CinemAnimaMente 2012

Al via la nona edizione della rassegna CinemAnimaMente

Al Cinema San Biagio proiezione di film sul tema ”L’altro volto delle donne”.

La Rassegna Cinematografica è organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena, dal Ser.T ASL di Cesena e dall’Associazione l’Aquilone di Iqbal, e promossa in stretta collaborazione con la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Bologna, che lo patrocina, e l’Associazione Universitaria Analysis.

Ogni proiezione inizierà alle 21.00. Prezzo al pubblico di 5,00 euro –  per gli studenti universitari muniti di badge 3,00 euro .

PROGRAMMA

Lunedì 27 febbraio

“Il mio Domani”  di Marina Spada

Monica (Claudia Gerini), donna manager dedita a grafici e nuove strategie per le risorse umane, decide di mettere in discussione il precario equilibrio costruito intorno al lavoro e agli affetti, in una Milano antonioniana . Ha una relazione con Vittorio (Paolo Pierobon), il presidente della società per cui lavora e dal quale avverte un distacco crescente, e un conflittuale rapporto che la lega alla sorellastra Simona (Claudia Coli) e al padre (Raffaele Pisu). La donna è spinta, forse da un celato desiderio di riparazione, ad aiutare il nipote Roberto (Enrico Bosco), uno schivo diciassettenne. Frequenta un seminario sull’autoritratto fotografico dove conosce Lorenzo (Lino Guanciale), con il quale vive una breve relazione, che non riesce tuttavia a distogliere Monica dalle sue inquietudini

La regista dialoga con la dott.ssa Marusca Stella psicoterapeuta  Ser.T Ausl di Cesena e il dott. Michele Sanza, direttore del Ser.T Ausl Cesena

Lunedì 5 marzo

La Kriptonite nella borsa di Ivan Cotroneo

Napoli, 1973. Peppino è il più giovane membro della famiglia Sansone. Neanche dieci anni, l’onta di una forte miopia giovanile e un’ammirazione per lo strambo cugino che crede di essere Superman. In seguito alla sua morte, il piccolo Peppino comincia a immaginarne la presenza, e di questo supereroe fantasma dal naso aquilino e dal forte accento napoletano fa il suo unico amico fidato. Quando la madre Rosaria entra in depressione dopo aver scoperto che il marito la tradisce, sarà infatti lui, più che i due zii giovani e incoscienti o i tre piccoli pulcini donati dal padre fedifrago, a insegnargli come trovare il proprio posto nel mondo.
Ancora una famiglia, ancora uno sguardo al passato. Ancora un marito che tradisce e una moglie in depressione. Ancora figli scapestrati dal guardaroba a fiori e un canzoniere d’antan che risuona fra mobili di modernariato. Dentro al film d’esordio di Ivan Cotroneo, sceneggiatore fra i più apprezzati nel panorama cine-televisivo, ci sono molti degli elementi più rappresentativi del cinema italiano contemporaneo

Il regista dialoga con il prof. Alain Guossot, docente di pedagogia, Facoltà di Psicologia di Cesena e con la dott.ssa Franca Magnani, responsabile Area Famiglia-Minori, Comune di Cesena.

Lunedì 12 marzo

Maternity Blues” di Fabrizio Cattani

Quattro donne diverse tra loro, ma legate da una colpa comune: l’infanticidio. All’interno di un ospedale psichiatrico giudiziario, trascorrono il loro tempo espiando una condanna che è soprattutto interiore: il senso di colpa per un gesto che ha vanificato le loro esistenze. Dalla convivenza forzata, che a sua volta genera la sofferenza di leggere la propria colpa in quella dell’altra, germogliano amicizie, spezzate confessioni, un conforto mai pienamente consolatorio ma che fa apparire queste donne come colpevoli innocenti.  Clara, combattuta nell’accettare il perdono del marito, che si è ricostruito una vita in Toscana, sconta gli effetti di un’esistenza basata su un’apparente normalità. Eloisa, passionale e diretta, persiste ogni volta nel polemizzare con le altre, un cinismo solo di facciata. Rina, ragazza-madre, ha affogato la figlia nella vasca da bagno in una sorta di eutanasia. Vincenza, nonostante la fede religiosa sarà l’unica a compiere un atto definitivo contro se stessa. Ha ancora due figli, fuori, e per loro riempie pagine di lettere che non spedirà mai.

Il regista dialoga con il prof. Giovanni De Plato, docente di psichiatria e  la dott.ssa Annalisa Vigherani, psichiatra, Centro Salute Mentale ASL cesena

Lunedì 19 marzo

“Maledimiele” di Marco Pozzi

Lungometraggio che Marco Pozzi dedica ad un problema molto diffuso tra i giovani, l’anoressia. Protagonista è Sara, ragazza che in un particolare momento della sua vita prende la decisione di voler dimagrire fino a diventare anoressica.

Il regista dialoga con il dott. Franco Mazzini, Ambulatorio di medicina dell’adolescente e dei disturbi di comportamento alimentari – Pediatria di Comunità ASL di Cesena e la prof.ssa Patrizia Selleri, docente di psicologia dell’educazione, facoltà di Psicologia di Cesena

INFO: Cinema San Biagio Cesena – Via Aldini, 24 – 0547 355712 / 355718

www.sanbiagiocesena.it

info: ufficiocinema@comune.cesena.fc.it

ore 21,00 – ingresso intero 5,00 €, ridotto STUDENTI 3,00 €


Leave a Reply